giovedì 31 ottobre 2013

John Abercrombie quartet - Skopje Jazz Festival (2013)



John Abercrombie’s maiden New York City appearance in 1970 with Dreams, a jazz-rock group led by Michael and Randy Brecker, created a sensation. Since then, in a career spanning more than 40 years and nearly 50 albums, John has established himself as one of the masters of jazz guitar - a restless experimenter, working firmly in the jazz tradition while pushing the boundaries of meter and harmony. One of the most influential acoustic and electric guitarists, his recordings for ECM have helped define that label’s progressive chamber-jazz reputation. While jazz-based, his style also displays a more-than-passing familiarity with forms that range from folk and rock to Eastern and Western art music. Abercrombie began his career touring with organist Johnny Hammond and continued with Brecker Brothers. Since the 1970s he has worked with Chico Hamilton, Gil Evans, Gato Barbieri, Billy Cobham and Ralph Towner, among others. His first album for ECM label, “Timeless”, on which he was joined by Jan Hammer and Jack DeJohnette, received virtually unanimous critical acclaim. Although he sees himself as a player in the jazz guitar tradition of Charlie Christian, Django Reinhardt, Wes Montgomery and Jim Hall, John is highly influenced by the lyrical style of Bill Evans, and his music is charged with the eruptive melodic invention of Ornette Coleman. This range of influences and the uncanny ability to marry tradition to innovation shows in his highly distinctive compositions - that at best can be described as contemporary multi-linear chamber jazz. Renowned for his vibrant, limpid style, John Abercrombie returns at the head of a remarkable quartet consisting of Marc Copland on piano, Drew Gress on double bass and Joey Baron on drums.

JOHN ABERCROMBIE guitar
MARC COPLAND piano
DREW GRESS bass
JOEY BARON drums

01 39 steps
02 LST
03 Bacharach
04 Band introduction
05 As it stands
06 Ballad
07 Unknown tune
08 Last track

Recorded 18 October 2013, Macedonian Opera and Ballet, 20:00
Photo cover by Fabrizio B. (thanks, Fabri).
Download

mercoledì 30 ottobre 2013

Neil Young - Live in Amsterdam (2008)



Anthony Crawford, Ben Keith, Cary Kemp, Neil Young, Pegi Young, Ralph Molina, Rick Rosas

01 From Hank to Hendrix
02 Ambulance blues
03 Sad movies
04 A man needs a maid
05 Try
06 Harvest
07 Love in mind
08 Old king
09 Love art blues
10 Don't let it bring you down
11 Campaigner
12 Old man
13 Dirty old man
14 Spirit road
15 Down by the river
16 Hey hey, my my
17 Too far gone
18 Oh, lonesome me
19 The believer
20 Powderfinger
21 No hidden path
22 encore applz
23 Cinnamon girl
24 Rockin' In The Free World - encore applz
25 The sultan

February 20, 2008
RAI Theatre, Amsterdam (The Netherlands)
Download

martedì 29 ottobre 2013

Jan Peter Schwalm's Endknall feat. Eivind Aarset - Frankfurt Jazz Festival 2013


J. Peter Schwalm | live electronics
Endknall:
Stefan Lottermann | tb
James Woodrow | g
Tim Harries | b
Emre Ramazanoglu | dr
Sophie Clements | visuals

feat. Eivind Aarset | g, effects

01 Movement # 1
02 Movement # 2
03 Movement # 3
04 Movement # 4
05 Movement # 5
06 Movement # 6

 Freitag, Frankfurt, 25.10.2013
Artwork by Barabbovich
Download this awesome concert here

lunedì 28 ottobre 2013

Riccardo Zappa - Thesaurus Harmonicus (2002)



featuring
Hantony Rutherford Mimms
Riccardo Zappa
Stefano Cerri
Walter Calloni

01 Il vento, intanto,...
02 Fortuna, parte seconda
03 Improvvisazione decima
04 Ikebana
05 Monte Athos
06 Definire significa limitare
07 Thesaurus Harmonicus
08 La deposizione
09 Intro
10 Legno
11 Oro
12 Pietra
13 Tecnica

Very hard to find. DL here

domenica 27 ottobre 2013

Fred Pallem & le Sacre du Tympan - Neil Young never sleeps (2013)



Toujours prêt pour un nouveau contrepied, Fred Pallem a placé la barre haut en s’emparant du vaste répertoire de Neil Young. Pour rendre hommage au grand songwriter canadien, capable du folk le plus touchant comme de la tempête électrique la plus violente, le cerveau du Sacre du Tympan s’est entouré d’un beau casting éclectique réunissant entre autres Rodolphe Burger (toujours friand de reprises goûtues), le chanteur et mandoliniste américain Vic Moan et Juliette Paquereau du groupe pop Diving With Andy. Entre leurs mains, les classiques du Loner, toujours portés par de démentielles mélodies, traversent aisément l’Atlantique et le temps pour un tribute de grande tenue

Fred Pallem, guitare, piano, chant
Guillaume Magne, guitare électrique, chant, lap-steel, guitare acoustique
Vic Moan, mandoline, chant
Rodolphe Burger, guitare électrique, chant
Juliette Paquereau, chant
Sylvain Bardiau, trompette
Matthias Mahler, trombone
Frédéric Gastard, saxophone baryton
Jean-Marc Pelatan, basse électrique
Emiliano Turi, batterie

01 Intro
02 I am a child
03 On the way home
04 Cowgirl in the sand
05 The needle and the damage done
06 World on a string
07 On the beach
08 I've been waiting for you
09 Words
10 After the gold rush
11 Don't let it bring you down
12 Out on the weekend
13 Old man
14 Cortez the killer
15 My my, hey hey
16 Down by the river


Download

venerdì 25 ottobre 2013

Rudy Rotta - La musica, la mia vita (2011)



featuring:
Rudy Rotta
John Mayall
Brian Auger
Peter Green
Robben Ford
Carey Bell

01 Look Out Your Window
02 I Been Up I Been Low
03 Giorno in più
04 Lady
05 You’re Gone
06 Black Magic Woman
07 Vu Cumpra'
08 Mama Save The Children
09 My Babe
10 Come Together
11 I’m in the groove
12 Just another Man
13 St James Infirmary
14 No one Cares
15 So di Blues
16 Truth
DL

mercoledì 23 ottobre 2013

Bandabardò - RadioLive (2004)



1. Presentazione
2. Sans papiers
3. Pedro
4. Lo sciopero del sole
5. Sempre allegri
6. Uno due tre stella
7. Quello che parlava alla luna
8. L'estate paziente
9. Caffè d'iver
10. Que nadie sepa mi sufrir
11. Ubriaco canta amore
12. Ewa
13. Succederà
14. Tutti i re del mondo
15. Manifesto
16. Vento in faccia
17. Canzoncina
18. La fine di Pierrot
19. Beppeanna
20. parlato
21. Mama nonmama

Trasmesso in diretta da Radio Rai Uno dalla sala A di via Asiago in Roma il 24 settembre 2004. Condotto da Silvia Boschero
Photo cover by Barabbovich (as usual)
Download

lunedì 21 ottobre 2013

Steve Kuhn / Sheila Jordan band - Playground (1980)



* Steve Kuhn: Piano
* Sheila Jordan: Voice
* Harvie Swartz: Bass
* Bob Moses: Drums

01 Tomorrow's Son
02 Gentle Thoughts
03 Poem For No 15
04 The Zoo
05 Deep Tango
06 Life's Backward Glance

CD unavailable on single disc
DL here

sabato 19 ottobre 2013

Jon Balke | Batagraf – Live in Gothenburg, Sweden (2010)


Jon Balke: keyboards
Arve Henriksen: trumpet, electronics
Ingar Zach: percussion
Baboucar Camara: percussion
Snorre Bjerck: percussion

1. Batagraf Part I
2. Batagraf Part II
3. Batagraf Part III
4. Batagraf Part IV

Live at Nefertiti, Gothenburg, Sweden, May 7, 2010
Please acknowledge LIVEJAZZLOUNGE as the original source of this recording. Thank you.
Download

venerdì 18 ottobre 2013

Chick Corea & Gary Burton - Live in Switzerland (2012)


Gary Burton, vibes
Chick Corea, piano

01 Love castle
02 Native sense
03 Can't we be friends
04 Hot house
05 Strange meadow lark
06 Chega de saudade
07 Light blue
08 La fiesta

Recorded live at Victoria-Hall, Geneva, Switzerland, on 2012-03-11
Download

giovedì 17 ottobre 2013

Federico Casagrande trio - Spirit of the mountains (2009)



Federico Casagrande, guitars
Stefano Senni, bass
Ferenc Nemeth, drums

1. Beyond
2. New
3. Himalaya
4. Desert
5. Running Slow
6. Foroyar
7. Pelmo
8. Point of View
9. Signore delle Cime

Hard to find. DL here

martedì 15 ottobre 2013

Leonard Cohen - Blossoms Of Heaven, Ashes Of Hell (live in Zurich 21.5.1993)



01 Dance Me To The End Of Love
02 The Future
03 Ain't No Cure For Love
04 Bird On The Wire
05 Everybody Knows
06 Anthem
07 First We Take Manhatten
08 Avalanche
09 Chelsea Hotel
10 Tower Of Song
11 Democracy
12 Waiting For The Miracle
13 I'm Your Man
14 Joan Of Arc
15 Closing Time
16 Take This Waltz
17 Sisters Of Mercy
18 Hallelujah
19 I Tried To Leave You
20 So Long, Marianne
21 Who By Fire
22 Ballad Of A Runaway Horse
23 Joan Of Arc
24 The Hypnotist

Recorded live in Kongresshaus in Zurich,Switzerland on May 21st 1993. Double CD, contains all songs # 1-20 (1 to 12 on the first CD and 13 to 20 on the 2nd CD) and 4 extra tracks (not recorded in Zurich)
Download

domenica 13 ottobre 2013

Riccardo Zappa - Zapateria (2011)



featuring Alberto Favaro, Alberto Grollo, Alessandra Bordiga, Ciccio Merolla, George Aghedo, Giuseppe Leopizzi, Jens Kruger, Julius Farmer, Leo Di Giacomo, Licia Consoli, Marco Gallo, Massimo Gatti, Ottavio Corbellini, Renato Marchetti, Riccardo Zappa, Rino Zurzolo, Stefano Cavalloni, Ugo Binda, Valentina Crimaldi, Vince Tempera, Walter Calloni

1. Suonare3 a Bagdad
2. Medley III (a. Onda; b. Cooper & M.P.; c. Biblos; d. Dharma; e. Lo slancio del pensiero)
3. Semplicissimo
4. Veligandura
5. Majirel
6. Canzone
7. In quel periodo...
8. Zapateria
9. Zapateritmic

Rare. Dl here

giovedì 10 ottobre 2013

Claudio Lolli - Rumore rosa. Poesia con intermittenze (del cuore) (2004)


Claudio Lolli, voce
Paolo Capodacqua, chitarre ed effetti

di Giorgio Maimone

Rumore rosa – si chiama
E’ proprio come il sogno di una cosa
Che non hai.

“Rumore rosa” si chiama anche questo libro di Claudio Lolli. Un libro di poesie. Accompagnato da un disco, 18’ e 23 secondi di poesie lette da Lolli e suonate da Paolo Capodacqua. E diciamo subito, forse perché è Lolli, il disco convince più del libro. Eppure le poesie sono le stesse. Ma la voce di Claudio, le sue pause, le sue inflessioni danno loro uno spessore tridimensionale che altrimenti, sulla pagina, a volte si smarrisce. E allora, dopo una prima lettura piatta, da carta stampata, occorre fare una seconda lettura, a voce alta. D’altra parte in un libro intitolato al “rumore”, per quanto rosa, pensare di escludere l’audio è un errore evidente.

Le poesie di Claudio sono poliedri solidi. Non hanno quindi strettamente bisogno della musica (sempre) anche se con la musica ci guadagnano (spesso). Il pregio, in questo caso, è la sensibilità con cui Paolo Capodacqua lo accompagna. Le poesie di Claudio, quelle riuscite e quelle meno riuscite, hanno bisogno dello spessore della voce che le accompagni, in un lento fluire sospeso in cui incontrino la loro vera dimensione “Corpo e tempo, corpo e tempo” come ripete in una di queste “figlie” spurie. Sempre ammesso che le canzoni siano “figlie” legittime e non un prodotto dello stesso corpo creativo, solo sotto forma diversa.

D'altra parte è da tempo che Claudio ha abbandonato, per alcune canzoni, la forma cantata, scegliendo la versione "recital": "Adriatico" e "Curva Sud" sono due degli esempi più belli in questo senso. E il cd allegato al libro ripercorre un po' climi e atmosfere già assaporate dal duo Paolo/Claudio. Un percorso che si segue con grande piacere.

Così come fa piacere frugare tra le poesie dedicate agli amici e trovare versi come questi: "Mi spiace il tuo precoce incanutire / e quel rigonfiamento a mezzo corpo / come se il mondo dovesse già finire /... / cercando quella pace che non c'è / per uno che ha dita rotte come te" e pensare che possano essere versi dedicati al sodale Paolo Capodacqua che si rompe le dita a furia di perdersi tra "la seta delle tue chitarre". Oppure altri vesi come questi: "Vecchia stella polare m'hai guidato / con la locomotiva dell'ingegno / ... / e corre e corre la malinconia / insieme all'orgoglio / d'aver riempito insieme qualche foglio / che forse non sarà gettato via" e pensare che l'amico numero 8 sia Francesco Guccini (questa sembra facile). Altri amici sono più difficili e cifrati (a proposito, complimenti per essere riuscito ad arrivare a 12 amici! Io non ce la farei). Chi sarà il personaggio a cui scrive "e poi ci assomigliamo / (lo dicono i giornali) / anche se, è vero, ci separa il velo / della mia cialtronaggine puttana"?

Qualcuno di famoso, se ne parlano i giornali. Qualcuno che pure un po' gli rassomiglia, qualcuno che ha "un registro (di voce - ndr) tra il bambino e il cielo". Erri De Luca? Gianni D'Elia? Comunque sia un poeta a cui si può dire "Mi sembra tutto vero quasi santo / in quel tuo canto che non rinuncia al pensiero / nel tuo pensiero / che non rinuncia al canto". E ci resta la curiosità di sapere chi è B. oppure V. o ancora F. oppure Sasà e Vincent. Mentre Tas ("Stefano se tu sapessi quanto / mi ha dato la tua vita e la disarmonia/ che, col gioco di prestigio del'incanto / e la magia delle parole / che ti ostini a pronunciare / in questo porto misero di mare / come se il mondo fosse nei tuoi libri, / cerchi di allontanare") dovrebbe essere Stefano Tassinari, scrittore e figura centrale della cultura bolognese.

Mancano un po' le donne, intese come amiche, ma c'è un ritratto dolcissimo della moglie ("Potessi custodire la tua vita / (lo faccio da trent'anni) / ed evitarti questi spaesamenti / di impegni, orari, di lavori / affanni/ ... / Siamo ingombranti al mondo/ noi fragili carezze di cristallo / non c'è futuro per nessuno quindi / vorrei invitarti ancora / a un altro ballo"). Così come impregnata di una tenerezza assoluta è la poesia dedicata ai due figli: "Il bruno i biondo / l'Ettore e l'Achille /... / E se avessero un senso le parole / quelle parole ormai spezzate e rotte / Svegliatevi domani, e buonanotte".

Molti sono i momenti intensi, gli squarci di cielo che Lolli riesce ad aprirci ("L'esistenza di dio, o la sua assenza,/ non mi è remota /abbiamo appuntamento tutti i giorni / ora di pranzo, lui si materializza / si transustanzia in un / campari soda"), anche se l'ansia del capolavoro sfugge tra queste cento pagine scarse (ogni due pagine, una foto. Il curatore del volume, Enzo Eric Toccaceli, è soprattutto fotografo) in immagini strappate da fogli d'appunti improvvisati ("Sarebbe così facile scambiarsi una carezza / quella promessa che nessuno manterrà / Accendersi nel vuoto di un momento / Con la ridicola certezza / Che l'amore è solo corpo / corpo e tempo").

Dove il discorso non mi quaglia è quando sembra che Lolli "voglia" scrivere poesia. I momenti ossia in cui cede all'uso delle "parole poetiche" come "frale", "atra" (e "atro", triplo uso). Anche se su "frale" ironizza lui stesso in una poesia di poche pagine dopo: "E mi colpiva l'aggettivo "frale" / che non si trova nei versi di John Lennon". Ancora qualche dubbio mi lasciano le frequenti inversioni ritmiche ("Gli occhi tuoi verso l'alto fissi a un cielo", "stanno per fare del loro amore corona", "da te composti nelle notti insonni", "man mano che la scienza in noi si allarga", "verso quel chiosco verde di gelati / correre insieme"). Un po' troppo "poetese", insomma, come mostra anche la ricerca sempre presente della rima, pur mascherata nei versi sciolti. L'impressione è che il cantautore Lolli non li avrebbe mai messi in una sua canzone o, almeno, ne avrebbe fatto un uso un po' più accorto.

Affascinante invece torna ad essere la persistenza del rumore rosa, che attraversa trasversalmente tutte le poesie del libro, a partire dalla terza, dove appare, fino alla penultima in cui, all'alba, "mi sembra che ci sia silenzio / finalmente, alle pareti". Trentanove poesie cosparse di rumore, per quanto rosa (il pink noise che esce dalle casse acustiche). E una quarantesima, silenziosa, che riepiloga e spiega le precedenti: "Dovevo licenziare trentanove/ lettere dedicate al fronte interno / Trentanove parole a visi e affetti / perduti o permanenti / Vivi comunque nella fretta amara / del dunque. / C'è una lettera in più / E a chi mandarla? / Frose a chi mi ha costretto ed aiutato / a ricalcare la mappa organizzata / del mio magico inferno".

Ma le righe passano e si affastellanno le parole (più sue che mie) e ancora non ho spiegato di questo libro cosa mi piace e se mi piace. Mi piace. E mi piace particolarmente rileggerlo e dal grande mare dell'affresco del "magico inferno lolliano" mi garba stare a estirpare perle dal fondo o cogliere le more nascoste che affiorano improvvise tra i cespugli delle frasi. Frammenti di discorso: "è l'alba che mi stringe un po' la gola / (lo sai piango per niente)", "elogio alla mitezza, amore mio / che forse è insufficiente /a rintracciare brave baby sitter", "Forse mi fa paura / il tuo sguardo affettuoso che mi fruga", "un corpo che si annega nella sua stessa voce", "Fare l'amore noi, da pari a pari / e questo è il mio bisogno orizzontale", "E poi mi sfiora, come una carezza, / la tua bellezza che non trova pace", "Lo sai o non lo sai, nè mai ci crederai / chi hai sputato alla vita dal profondo / Piccolo artista senza documenti", "Lo spiedo capriccioso del dolore", "E noi che amiamo tanto la ferita", "leccati questa morte / che è compagna della mia solitudine / borghese", "E' tutto chiaro, manca solo il mondo", "cucciolo da battaglia senza fionda". "E' l'indotto che ci toglie trasparenza / quella meravigliosa gioventù". "Poi so che hai un figlio. E non è figlio mio". "Ed ha incartato tutta la vergogna / del suo grigio non-essere incivile". "C'è del cielo dovunque, e su Baghdad / sopra la Palestina e i campi / dei Disuniti Stati a Sud del mondo, / ultima stella a destra". "Io sarei qua, però se vi dispiace..." "Rumore rosa, ancora, come il mare / un'arpa eolica / del mio dimenticare". E tante tante altre.

Nostalgia, malinconia leggera, pudore delle virgole, le virgole e le parentesi di Lolli. Più significative di una frase, di uno slogan o di un punto fermo. Forse non si legge così un libro di poesie. Forse neanche un libro. E nemmeno un disco. Ma nelle frasi vive e palpita e si sente e ti scalda la poesia.

Claudio Lolli
"Rumore Rosa"
Stampa alternativa - Libro +cd - pag 103– 18,00€
Finito di stampare nel settembre 2004

01 L'esistenza di Dio
02 Distanza
03 Rumore rosa
04 L'amore è tempo e corpo
05 Ragazzi - 1
06 Amici - 2
07 20 febbraio
08 Storia e geografia
09 C'è del cielo ovunque
10 Non ho le carte
11 Dovevo licenziare trentanove

Praticamente irreperibile
Magari lo trovi qui

mercoledì 9 ottobre 2013

Daniele Sepe - In vino veritas (2013)



Featuring Aldo Vigorito, Alessandro Todisco, Claudio Romano, Cristian Vollaro, Daniele Chiantese, Daniele Sepe, Davide Costagliola, Enzo Gragrianniello, Floriana Cangiano, Florin Barbu, Francesco Miele, Franco Giacoia, Gianfranco Campagnoli, Lino Muoio, Mario Insenga, Paolo Forlini, Paolo Romano "Shaone", Piero De Asmundis, Roberta Andalò, Robertinho Bastos, Rosanna Drammatico, Salvatore Speranza, Sandro Vernacchia, Simona Barone, Tommy De Paola

1. Menu' del giorno
2. Brinnese
3. Il sogno di Bacco
4. Drunk man song
5. Napolitana
6. Nu poco ' e sentimento
7. Fresca fresca
8. Tempi moderni
9. Rebulico
10. Young and fine
11. La ballata di Franco Serantini
12. Resti ke batirides
13. Ouzo
14. Black and brown
15. Vlata de la tara
16. Scetate

Veramente questo non potrei metterlo... Però, visto che non ti trova in giro...
Download

martedì 8 ottobre 2013

Piers Faccini - Songs I love (2013)



01 Please please please let me get what i want
02 I used to have a good mother and a father too'
03 Cypress Grove Blues
04 What Kind of Heart
05 To Ramona
06 The streets of Forbes
07 I'll be your mirror
07 The only one
08 All night long blues
09 Cammina cammina
10 Broken butterflies
11 A la claire fontaine
12 Wolf among wolves
14 Morena Do Mar
15 Blackwater Side
16 State Trooper
17 Who by fire
18 Calling On Your Shadow (bonus track)
19 Fire in My head (bonus track)

available as separate tracks
DL here

lunedì 7 ottobre 2013

Daniele Sepe - Una striscia di terra feconda (1999)



Featuring: Aldo Vigorito, Auli Kokko, Enrico Del Gaudio, Massimo Ferrante, Piero De Asmundis, Roberto Grillo, Roberto Schiano, Daniele Sepe

1. Louis Emilius including Hasta siempre
2. Lunita tucumana
3. Te recuerdo Amanda (Victor Jara)
4. Calabria Saudita
5. Riollalla
6. Senza duluri
7. Tarantella del Gargano - Serenata alla carpinese
8. Tarantella calabrese

Registrato dal vivo a Roma il 29 luglio 1999, presso i Giardini dell'Accademia Filarmonica, nell'ambito della rassegna "UNa striscia di terra feconda"

Download

venerdì 4 ottobre 2013

Piers Faccini à Fip (2013)


Avec "Between Dogs and Wolves", Piers Faccini nous emmène encore un peu plus loin dans un monde personnel et intimiste. Seulement accompagné de sa guitare et de quelques tintinnabulements, le chanteur livre des balades folk, simples mais jamais simplistes.
Toutes reliées par un même fil rouge, ces chansons sont d'après leur auteur les différents chapitres d'une seule et même histoire. Une histoire qui prouve le talent de Piers Faccini, un artiste qui se moque des frontières musicales, qui se joue des attentes.


01 Like water like stone
02 Black rose
03 Il cammino
04 Three times betrayed
05 A storm is going to come
06 Girl in the corner
07 Broken mirror
08 Missing words
09 Reste la marée
10 Mangé pour le coeur
11 Home Away From Home
12 If I

Recorded live on october 3, 2013, Studio Charles Trenet de Radio France.
Photo cover & artwork by Barabbovich.
Download

giovedì 3 ottobre 2013

Gateway - Montreal Jazz Festival 1995



Dave Holland, bass
Jack DeJohnette, drums
John Abercrombie, guitars

01 Seventh D 
02 How's Never
03 Short Cut
04 Timeless
05 Jumpin' In
06 Calypso Falto

Recorded live in Montreal, July 7, 1995
Download